fbpx news | Blog Categories | Azione contro la Fame - Page 8

news

MOZAMBICO 2 MESI DOPO IL CICLONE IDAI: IL COLERA CONTINUA A COLPIRE

Sono trascorsi oltre due mesi da quando il ciclone Idai ha colpito duramente il Mozambico: il bilancio è salito a oltre 1000 vittime e migliaia di persone sono ancora sfollate a causa delle inondazioni che hanno coperto l’80% della città di Beira. Effetto collaterale ma diretto è stata un’epidemia di colera che, propagatasi rapidamente, ha colpito più di 4.000 persone. Il team di emergenza di Azione contro la Fame continua il suo intervento sul campo fornendo assistenza alle popolazioni più vulnerabili.

Guerra e fame: l'appello di Azione contro la Fame all'ONU

Azione contro la Fame ha rinnovato ieri a New York la richiesta alle Nazioni Unite di implementare quanto contenuto nella risoluzione 2417, che condanna sia l'uso della fame come arma di guerra che i divieti illegittimi che spesso impediscono l’accesso umanitario ai civili che necessitano di aiuti. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU giusto un anno fa ha approvato all'unanimità questa storica risoluzione, ma conflitti e guerre rimangono ancora la principale causa di fame acuta in tutto il mondo.

900.000 PERSONE A RISCHIO FAME TRA MAURITANIA E SENEGAL

Tra giugno e settembre quasi 560.000 persone in Mauritania e 340.000 in Senegal entreranno nello stadio di insicurezza alimentare critica (fasi 3 e 4 del ranking internazionale). In Mauritania, quest’anno le stime danno a oltre 31.000 i ragazzi e le ragazze in stato di grave malnutrizione: +40% rispetto alla media degli ultimi 5 anni.

SAHEL: NEL 2019 QUASI 11 MILIONI DI PERSONE SOFFRIRANNO LA FAME

La crisi alimentare che di solito si verifica nella regione subsahariana tra giugno e settembre, quest’anno metterà 10,8 milioni di persone a rischio di fame.

CICLONE IDAI: LA RISPOSTA DI AZIONE CONTRO LA FAME IN MOZAMBICO E ZIMBABWE

Aggiornamenti dal campo

MALI: 87.000 SFOLLATI IN SOLI 3 MESI A CAUSA DELLE CONTINUE VIOLENZE

"Vista l'esacerbazione dei conflitti e l'intensificazione delle operazioni militari nel nord e nel centro del paese, lo spostamento di civili continua ad aumentare mentre le nostre capacità di risposta come operatori umanitari si stanno affievolendo", si preoccupa Prince K. Lumueno, responsabile del programma di emergenza per il Consiglio Norvegese per i Rifugiati in Mali.

CICLONE IDAI IN MOZAMBICO, DOPO IL DISASTRO È EMERGENZA COLERA

4 anni di guerra in Yemen. La minaccia del colera: la storia di Dalal

In 4 anni di guerra, i ripetuti attacchi alle infrastrutture pubbliche hanno sistematicamente impedito alla popolazione yemenita di accedere a acqua potabile, cibo e assistenza sanitaria, contribuendo ad aumentare il rischio di fame, colera e altre malattie trasmissibili. In tutto il paese, 16 milioni di persone hanno estremo bisogno di acqua pulita e servizi igienici di base.

4 anni di guerra in Yemen. La testimonianza di Caitlin

"In una guerra senza fine, se vuoi sopravvivere non puoi vivere nella paura"

4 anni di guerra in Yemen. Storie di malnutrizione: Abdulqader

Il popolo yemenita sta affrontando molte emergenze: un conflitto armato che dura ormai da 4 anni, grandi spostamenti di sfollati, rischi di epidemie e carestie. È la peggiore crisi umanitaria prodotta dall'uomo nel mondo. Un totale di 15,9 milioni di persone vive in grave insicurezza alimentare, nonostante la continua assistenza alimentare umanitaria.

Pagine

Abbonamento a RSS - news
"