Foto: Samuel Hauenstein Swan

Sierra Leone: come identificare la malnutrizione

"Essere in grado di diffondere la mia conoscenza mi rende molto orgoglioso", dice Isa Kanu, volontario da 10 anni come operatore sanitario presso l’Health Center della provincia di Lumpa. Una o due volte alla settimana, visita le famiglie e parla con le madri di bambini sotto i 5 anni dell'importanza di una dieta corretta.

"Ho imparato molto e so identificare se un bambino è malnutrito. Ho imparato tutto grazie ai team di Azione contro la Fame, che collaborano con il Ministero della Sanità attraverso i programmi di nutrizione", dice Isa.

Il giorno che ci siamo incontrati, Isa si è offerto di portarci con lui a visitare alcune famiglie. Dopo mezz'ora, ci ha mostrato una delle case del villaggio e ha detto 'Andiamo a trovarli, penso che ci sia un bambino che ha bisogno di essere visitato. "

I volontari delle comunità forniscono un lavoro essenziale, come quello di medici e infermieri, nel contesto dei programmi di trattamento, attraverso la ricerca e la rilevazione di casi di malnutrizione.

Quando siamo entrati nella casa, Isa si è seduto accanto Fatmata e a sua figlia di 8 mesi, Haja. Isa ha parlato a bassa voce con la madre e ha rapidamente stabilito un rapporto di fiducia con lei prima di chiedergli se poteva guardare la figlia, per vedere se la bambina aveva bisogno di andare al centro nutrizionale.

Dopo aver misurato le dimensioni del suo braccio, Isa ha diagnosticato che la piccola era in uno stato di malnutrizione acuta grave. Più tardi, al centro sanitario, abbiamo appreso che pesava poco più di 5 kg: aveva bisogno di ricevere immediatamente il trattamento. Mentre la madre raccoglieva le sue cose, Isa ci ha spiegato: "Questo è il motivo per cui faccio volontariato, mi rendo conto di quanto sia importante che i genitori sentano il mio messaggio."

Haja e sua madre Fatmata provengono dalla Liberia. Fatmata aveva cercato di far esaminare la figlia da un medico locale, ma non riusciva a trovare o permettersi le cure nel suo villaggio natale. Poi è venuta a sapere tramite un conoscente che in un campo profughi in Sierra Leone viveva un guaritore che conosceva rimedi per tutti i tipi di malattie.

Per cui Fatmata ha intrapreso un lungo viaggio attraverso i confini, i fiumi e la giungla della Sierra Leone. Ha viaggiato per 560 chilometri a piedi, in moto, camion e minibus prima di raggiungere il campo. Ma lungo il percorso, lo stato di Haja era peggiorato a causa dello stress del viaggio.

 Isa Kanu aveva sentito parlare di questa madre e della figlia malata e ha deciso di andare a visitarle. Invece di andare dal guaritore tradizionale, Isa ha convinto Fatmata a iscrivere la figlia per il trattamento contro la malnutrizione al centro sanitario. Lì, Haja ha gradualmente ripreso forze e salute e ha riguadagnato un peso normale, prima di tornare al suo villaggio natale in Liberia.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"