Malnutrizione cronica: una sfida per la Sierra Leone

Lo scorso ottobre, il team di Azione contro la Fame in collaborazione con il Ministero della Sanità della Sierra Leone ha completato un sondaggio nutrizionale a livello nazionale. Lo scopo di questo esercizio era determinare se lo stato nutrizionale della popolazione si fosse evoluto dall'ultima indagine nel 2014, per valutare la situazione dopo l'epidemia di Ebola e per identificare quali sono i principali determinanti che influenzano la lotta contro la fame.

Il sondaggio ha valutato 9.469 famiglie in 15 distretti, con particolare attenzione ai bambini di età compresa tra 6-59 mesi e le donne in età riproduttiva (15-49 anni). Le équipe anno monitorato da vicino i principali fattori contestuali che contribuiscono alla malnutrizione, come la sicurezza alimentare, l'acqua, i servizi sanitari e l'igiene, nonché le pratiche sanitarie e assistenziali.

Nonostante la situazione di malnutrizione sia migliorata dal 2008, l'epidemia epidemica di Ebola nel 2014 ha rallentato la lotta contro la fame. Dopo l'epidemia, non c'è stato alcun miglioramento significativo nei tassi di malnutrizione acuta o cronica. Al contrario, si è verificato un lieve peggioramento della situazione di malnutrizione acuta, in particolare nelle aree urbane.

Allo stesso tempo, la malnutrizione cronica (che comporta arresto della crescita) rimane elevata;¬†pi√Ļ del 30% dei bambini sono rachitici, il che indica una situazione grave.¬†Se l'arresto della crescita non viene prevenuto nei primi due anni di vita, gli effetti sono irreversibili negli ultimi anni: diminuzione dello sviluppo cognitivo, motorio, del linguaggio e della capacit√† di apprendimento.¬†In parallelo, la malnutrizione acuta raggiunge il 5,1% dei bambini valutati.¬†Tra questi, l'1% soffre di malnutrizione acuta grave, la forma pi√Ļ¬†letale¬†di malnutrizione.

Inoltre, una storia medica di basso peso alla nascita o arresto della crescita rppresenta un fattore di rischio per i bambini di diventare sovrappeso o obesi e di sviluppare malattie cardiovascolari o diabete in età avanzata. Nelle aree urbane e nelle baraccopoli povere, oltre il 30% delle donne intervistate sono sovrappeso. Questo insorgere di sotto e sovra nutrizione in donne e bambini è un indicatore del problema del doppio peso e della complessità della malnutrizione nel Paese.

Gli indicatori relativi all'acqua, all'igiene e alla sanità rivelano una mancanza di accesso alle risorse e alle buone pratiche. L'80% delle famiglie intervistate non ha accesso a servizi igienici adeguati e il 28% non ha accesso a una fonte protetta di acqua potabile. Mentre il 70% della popolazione intervistata usa il sapone, solo il 30% di loro si lava le mani almeno tre volte al giorno.

Per saperne di pi√Ļ sulle raccomandazioni e sui risultati del sondaggio, sullo stato di nutrizione infantile, sulla salute e la nutrizione materna, i tassi di mortalit√†, la copertura dei programmi di salute, pratiche di alimentazione dei neonati e dei bambini, sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza,¬†si prega di scaricare la relazione completa e l'istantanea.

L'indagine nutrizionale nazionale della Sierra Leone è stata intrapresa da Azione contro la Fame in coordinamento con il Ministero della sanità e delle strutture igienico-sanitarie, UNICEF, OMS, PAM, Hellen Keller International e finanziato da Irish Aid.

 

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"