La violenza di genere e il probelma della fame

Violenza di genere, guerre e fame sono strettamente collegati alle crisi alimentari, come in Sud Sudan, dov’è stata dichiarata ufficialmente la carestia; o in Nigeria, dove 4.4 milioni di persone vivono nell'insicurezza alimentare; o in Somalia, dove il 50% della popolazione ha bisogno di assistenza umanitaria.

"Sfollate dalle loro case, senza accesso alle loro colture o a un mercato, le donne hanno bisogno di percorrere lunghe distanze per procurarsi il cibo. Questo le espone a maggiori pericoli come sequestri di persona, rapine, violenze sessuali o abusi. A volte sono costrette a dare i loro corpi in cambio di cibo o di una maggiore libertĂ  di movimento. Se non riesce a trovare del cibo, lei e la sua famiglia diventano piĂą esposti alla malnutrizione," dice Chiara Saccardi, capo del team di pronto intervento di Azione contro la Fame.

E aggiunge: "Assistere e rispettare queste donne è fondamentale per ridurre l'impatto che emergenze con grandi spostamenti di massa hanno su di loro. Risolvere le difficoltà logistiche e di sicurezza, significa salvare queste donne da rischi inutili."

La violenza di genere è causa e conseguenza della fame. L'allattamento al seno ne è gravemente colpito, sia perché le madri sono separati dai loro figli, sia perché lo stress e l'ansia causati dal vivere in una situazione di crisi hanno conseguenze fisiologiche che impediscono loro di allattare, sia perché in alcuni Paesi, come il Sud Sudan, ci sono usanze che vietano alle donne che sono state violentate di allattare.

A volte la violenza è all'interno della famiglia stessa. Nei campi e negli insediamenti l’equilibrio tra i ruoli si è rotto. L'uomo, tradizionalmente incaricato di sostenere la famiglia, perde la capacità di fornire ciò che è necessario per mantenerla. Questo può causare frustrazione e portare ad atti di violenza.

A questo proposito, è essenziale che gli interventi umanitari includano sempre una prospettiva di genere. Azione contro la Fame coinvolge anche gli uomini nei programmi per migliorare la salute materna e infantile o promuovere attività generatrici di reddito che non alterano l'equilibrio dei ruoli all'interno della cura della famiglia.

"Non dimenticate che le disuguaglianze di genere sono sia origine che conseguenze della fame," dice Clara Ituero, gender advisor di Azione contro la Fame. E continua: "Le donne hanno meno opportunità di ricevere un’istruzione, un salario, e sono sottorappresentate. Questo ci rende dipendenti da terzi, con poco controllo sul nostro cibo e i nostri figli. Anche se la società ci dà il compito di alimentare la famiglia, non ci dà il controllo del territorio o il reddito familiare per accedere al cibo. In molte società, la donna mangia per ultima e, quando il cibo è scarso, rinuncia alla sua razione. Con conseguenze anche gravi per il suo stato nutrizionale. "

Foto: Agnès Varraine-Leca

La donna in tre grandi crisi alimentari

Nigeria. Solo nello stato del Borno il 31% delle famiglie è stato sfollato, tra cui donne e ragazze che hanno bisogno di protezione. Rapimenti e sfruttamento sessuale sono comuni. I soldati e gli ufficiali dei campi profughi abusano della loro autorità per ottenere sesso in cambio di false promesse di matrimonio, cibo, denaro o supporto di altro tipo. Sospettate di aver avuto qualche rapporto con Boko Haram, volontariamente o forzatamente, vengono emarginate, loro e i loro figli.

Sud Sudan. Uno su cinque casi di violenza di genere include la violenza sessuale, principalmente perpetrata da agenti armati. Ma la violenza contro le donne agisce su uno spettro più ampio e comprende la mancanza di accesso a cure sanitarie, i matrimoni precoci e/o l’interruzione della loro formazione. 339.000 donne in gravidanza e in allattamento soffrono di malnutrizione acuta e hanno urgente bisogno di aiuto.

Somalia. Il lungo protrarsi dei conflitti armati sta causando danni psicologici. Nelle donne, lo stress emotivo ha conseguenze molto negative nella cura dei bambini. Si stima che 363.000 bambini soffrano di malnutrizione infantile.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"