Foto: Andrew Parsons

LA FAME: LA GRANDE DIMENTICATA NEI NEGOZIATI DEL G7

Mentre questo G7 doveva essere quello della "lotta contro la disuguaglianza", dobbiamo invece constatare come il tema della fame sia stato totalmente oscurato nei negoziati di Biarritz. Tuttavia, la fame rimane una delle prime disuguaglianze globali con il 10% della popolazione mondiale che soffre ancora di fame, l'equivalente della popolazione di tutti i paesi del G7 messi insieme.

Un appuntamento mancato per gli Stati membri del G7, e con una situazione globale che si deteriora: secondo l'ultimo rapporto delle Nazioni Unite a luglio 2019, la fame è aumentata per il terzo anno consecutivo nel 2018. Mentre il Sahel è la regione più colpita dalla crescente fame, questo G7 a Biarritz non ha permesso di erogare nuovi finanziamenti per sostenere i 13 milioni di persone che hanno sofferto la fame negli ultimi 10 anni nel Sahel. Al contrario Macron ha annunciato il lancio di un partenariato per la sicurezza e la stabilità nel Sahel che mira esclusivamente ad estendere la cooperazione militare tra il G7 e il G5 Sahel ad altri paesi della regione per combattere il terrorismo. Questa nuova partnership sostiene un approccio di totale sicurezza che mette in pericolo la protezione di civili e operatori umanitari e non affronta le cause profonde di fame e disuguaglianza.

"La mancanza di finanziamenti aggiuntivi sul Sahel per l'accesso ad acqua, salute e agroecologia contadina è un fallimento in questa lotta nella regione che ha vissuto il più grande aumento della fame in questi ultimi 10 anni” afferma Michael Siegel, avvocato difensore in Azione contro la Fame.

Mentre Iran e Siria sono stati al centro dei colloqui tra i capi di stato, è allarmante che l'emergenza umanitaria nello Yemen non sia stata affrontata. In un contesto in cui molti stati e gruppi armati affamano deliberatamente le popolazioni civili, ci rammarichiamo profondamente per il fatto che gli Stati membri del G7 non abbiano colto l'occasione di questo vertice per inviare un messaggio forte alla comunità internazionale condannando il l'uso della carestia come arma di guerra o arrestando tutte le vendite di armi a questi stessi stati, a partire dalla coalizione araba nello Yemen.

"Questo G7 è un'ammissione di fallimento a livello umanitario. Mentre il 60% delle persone affamate vive in paesi colpiti da conflitti, i leader del G7 non sono stati all'altezza delle sfide umanitarie. Evitando la condanna di stati e gruppi armati che commettono crimini di guerra contro popolazioni civili, gli stati del G7 sono complici di questi crimini", continua Siegel.

Sull'emergenza climatica, l'impegno di Francia, Germania e Regno Unito a raddoppiare il loro contributo finanziario al Fondo Verde per il Clima, fino a 4,8 miliardi di euro, è tuttavia un segnale incoraggiante per sostenere l'adattamento di queste popolazioni così vulnerabili ai cambiamenti climatici. Nonostante questi annunci positivi sul clima, Azione contro la Fame si rammarica della mancanza di misure forti per punire le violazioni del diritto internazionale umanitario e la mancanza di ulteriori sforzi finanziari per affrontare le cause profonde della malnutrizione nel Sahel.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"