Comincia la stagione della fame nel Sahel

Nel Sahel l’insicurezza alimentare, la denutrizione, le epidemie, la povertà estrema, la rapida crescita della popolazione, i cambiamenti climatici, i disastri naturali, i conflitti armati e la violenza sono alcuni dei principali problemi che richiedono l’intervento di organizzazioni umanitarie nella regione, in cui la vita e il futuro di milioni di famiglie sono a rischio.
Nonostante un buon raccolto nello scorso anno, i conflitti come quello nel nord del Mali, o al confine tra la Nigeria e il Niger ed eventi climatici estremi come siccitĂ  e inondazioni hanno avuto un forte impatto sulla produzione agricola locale e rendono la situazione nutrizionale preoccupante.

“Siamo alle porte della stagione della fame, che è il periodo che va da quando le famiglie esauriscono le scorte di cibo – all’incirca nel mese di giugno – al prossimo raccolto di ottobre” spiega Antonio Vargas, responsabile di Salute e Nutrizione per Azione contro la Fame. “Nonostante un buon ultimo raccolto noi di Azione contro la Fame siamo molto concentrati sui Paesi e le regioni più vulnerabili, e dove i tassi di insicurezza alimentare e malnutrizione sono già alti”.

I conflitti e i rifugiati nel Sahel

Negli ultimi anni, le criticità della regione e le crisi ricorrenti sono state notevolmente aggravate dalle conseguenze del conflitto e della violenza in tutta la regione. La maggior parte dei 4,5 milioni di sfollati che hanno perso tutto molto spesso sono ospiti di comunità già di per sé a rischio.
Nella zona Lago Ciad, circa 30 milioni di persone che vivono nelle zone più povere di Camerun, Ciad e Nigeria sono esposte alla violenza di Boko Haram. La situazione in Mali invece rimane preoccupante, oltre che per i 200.000 sfollati, per l’insicurezza alimentare continua.

La diminuzione della produzione alimentare

In Paesi come Senegal e Mauritania, le regioni di Podor e Guidimakha hanno tassi di malnutrizione che superano rispettivamente il 18% e il 15%. “La prolungata mancanza di pioggia degli ultimi anni ha causato un calo nella produzione agricola e pastorale e la popolazione più vulnerabile potrebbe essere messa seriamente in difficoltà” spiega Antonio Vargas.
La situazione è aggravata dalla mancanza di alcuni servizi di base, sia in termini di accesso sia di qualità: limitato accesso all’acqua, a pratiche sanitarie e igieniche adeguate ecc. “Bisogna rafforzare le infrastrutture sanitarie, di monitoraggio e di prevenzione per tenere la malnutrizione o altre epidemie a bada” ha concluso Vargas.

La minaccia della malnutrizione

La malnutrizione continua a minacciare 7,2 milioni di bambini sotto i 5 anni e le donne in gravidanza e allattamento. Nel Sahel, quasi un bambino su 5 muore prima di aver compiuto 5 anni e un terzo di queste morti sono collegate alla malnutrizione. Ciad, Mali e Niger hanno complessivamente il 70% dei bambini con malnutrizione acuta grave della regione.

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"