Foto: Léa Vollet e OIivier-Paul Nirlo

Alla ricerca d'acqua in Etiopia

Omar Hajj è il capo del villaggio di Wajjid. All'età di 54 anni, ha avuto 15 figli. Si trova di fronte al dispensario del suo villaggio, il cui tetto è stato collegato a un serbatoio d'acqua da 10.000 litri. "La stagione delle piogge dovrebbe iniziare presto. Almeno, questo è ciò che speriamo," sospira.

"Questo è il terzo anno in cui mancano le piogge, ma dobbiamo essere preparati per la loro eventuale venuta. I tubi che installiamo reindirizzeranno la pioggia al serbatoio. Per ora, non c'è acqua e dobbiamo portarla dal fiume Shebelle."

A 45 minuti da Gode, la città principale del distretto, il villaggio di Wajjid comprende una trentina di tukul, case coniche fatte di rami. A causa della siccità, la sabbia ha invaso le strade già polverose, rendendo difficile l'accesso alla zona. "Non possiamo usare camion per portare l'acqua alle cliniche, sono troppo pesanti e finiranno per impantanarsi nella sabbia. Usiamo Muhammad e il suo asino per andare a prendere l'acqua dal fiume", dice Omar.

Ogni settimana, un carro trainato da un asino porta 400 litri d'acqua, essenziali per il funzionamento del dispensario. L'acqua è usata anche per rilevare i sintomi della malnutrizione: per valutare l'appetito dei bambini, gli operatori sanitari danno loro una razione di cibo terapeutico pronto all'uso, una pasta densa, e molta acqua. 

L'acqua arriva direttamente dal fiume, che dista pochi chilometri, e una volta in loco dev'essere trattata con il cloro prima di essere utilizzata.

"Uno dei miei figli è in cura per la malnutrizione in questa clinica, così come la mia seconda moglie, che è incinta. Siamo piccoli agricoltori: condividiamo una pompa con 28 dei nostri vicini. Cerchiamo di diversificare le nostre colture alimentari con pomodori e mais, ma raccogliamo solo per il nostro consumo e non facciamo soldi. "

Sulla strada per il villaggio, l'auto di Azione contro la Fame passa sopra i canali in costruzione che si trovano a un metro dal suolo, ogni 200 metri. Per combattere la siccità e espandere l'agricoltura su larga scala, il governo sta costruendo un sistema di irrigazione dal fiume Shebelle.

"Abbiamo bisogno di costruire soluzioni sostenibili e aumentare la resilienza della comunità. La regione somala è in una crisi che dura da troppo tempo. Possiamo chiamarla una situazione di emergenza, ma ciò che è necessario sono soluzioni a lungo termine." dice Aurélie Carmeille, Direttrice Paese di Azione contro la Fame in Etiopia.

A causa della crisi in atto, il raggio di risposta alle emergenze di Azione contro la Fame è raddoppiato, anche grazie al sostegno della direzione generale per la protezione civile e gli aiuti umanitari europei (ECHO) della Commissione europea, il Fondo umanitario etiopico (EHF), l'Ufficio statunitense per l'assistenza ai disastri esteri (OFDA) e il Programma alimentare mondiale.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"