@ACF Bangladesh

509.000 ROHINGYA ARRIVATI IN BANGLADESH NEGLI ULTIMI 40 GIORNI

Le violenze nello Stato di Rakhine, che hanno avuto inizio il 25 agosto 2017, hanno spinto 509.000 Rohingya attraverso il confine, verso Cox's Bazar, in Bangladesh. La velocitĂ  e la portata dell'affluenza hanno causato un'emergenza umanitaria senza precedenti. Le persone arrivate in Bangladesh dal 25 agosto sono giunte senza nulla o quasi, avendo speso la maggior parte dei loro risparmi nel trasporto e per la costruzione di un riparo, spesso formato solo da un telo di plastica tenuto su da bambĂą.

I Rohingya appena arrivati fanno affidamento all'assistenza umanitaria per il cibo e altre necessità di base. I servizi di base che erano disponibili in precedenza ora sono sotto sforzo a causa del massiccio aumento delle persone presenti nella zona. In alcuni degli accampamenti improvvisati, che sorgono sempre più di frequente, non c'è accesso a strutture idriche e sanitarie, aumentando il rischio diffusione di malattie. Le nostre stime dicono che sono oltre 320.000 gli individui che ancora non hanno accesso ad acqua e servizi igienici.

La popolazione Rohingya a Cox’s Bazar è altamente vulnerabile: dopo essere fuggiti da violenze feroci e sperimentato un grave trauma, ora si trovano a vivere in condizioni estremamente difficili.

Secondo una valutazione condotta dai nostri operatori sul campo, 31167 bambini al di sotto dei 5 anni sono affetti da malnutrizione acuta grave e ulteriori 11 991 da malnutrizione acuta e hanno bisogno di un trattamento nutrizionale immediato.

Azione contro la Fame ha mobilitato un team di 400 persone per far fronte alla crisi umanitaria e finora abbiamo distribuito 624 770 pasti caldi ai nuovi arrivati, 812.279 litri di acqua pulita attraverso camion cisterna e fornito un primo soccorso psicologico a oltre 27.000 nuovi rifugiati.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"