Aspetti finanziari

Nel 2015, le risorse totali del network Azione contro la Fame sono cresciute del 12% rispetto al 2014, raggiungendo un valore globale di 295,9 milioni di Euro, che hanno consentito di aiutare 14,9 milioni di persone nel mondo.

Nei prossimi anni, la strategia di raccolta fondi di ACF International mira anche ad accrescere ulteriormente la propria indipendenza, aumentando le donazioni del settore privato, cioè individui ed aziende. I fondi pubblici sono tipicamente vincolati dall’ente erogatore per specifici programmi ed attività. Azione contro la Fame intende quindi avere un maggior equilibrio tra fondi pubblici e fondi privati per avere maggiore indipendenza economica, flessibilità di impiego, velocità decisionale ed anche maggiore responsabilità nei confronti delle comunità toccate da disastri, conflitti e fame. I fondi pubblici, oltre ad essere spesso vincolati a specifici progetti, richiedono tempo per essere ottenuti, il che può voler dire che in caso di disastri umanitari, si rischia di non poter agire in maniera sufficientemente rapida per assistere le persone colpite. La flessibilità delle donazioni provenienti dal settore privato significa quindi anche tempestività di intervento.

Nel mondo, oltre 800.000 persone sostengono il lavoro di Azione contro la Fame facendo delle donazioni, sia periodiche che una tantum, organizzando o prendendo parte ad eventi, oppure con un lascito testamentario. Gli interventi salva-vita di Azione contro la Fame non sarebbero possibili senza l’impegno e il generoso sostegno di queste persone.

A nome quindi di tutto il network di Azione contro la Fame…un grande GRAZIE a tutti i nostri donatori!

 

Leggi il nostro Annual Progress Report 2015

(in inglese)

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre aggiornato

Dona subito, Aiutaci a salvare delle vite

La tua donazione ci permette di salvare la vita dei bambini malnutriti.

"