Foto: Andrew Parsons

In Senegal affrontare la malnutrizione è un lavoro di squadra

Nonostante sia una delle economie più stabili dell'Africa occidentale, il Senegal continua a soffrire di alti tassi di povertà, disoccupazione e alti tassi di mortalità materna e infantile, malaria e altre malattie. Azione contro la Fame ha ampliato i suoi programmi e le sue attività al di fuori della capitale del paese, Dakar, e recentemente abbiamo lanciato nuove iniziative nella regione nord-orientale di Matam, dove i nostri team si concentrano sull'aiuto alle mamme, alle future mamme e ai loro figli affinché crescano forti e sani. 

Nel clima arido di Matam, la fame è un circolo vizioso: troppo spesso viene tramandata di generazione in generazione. Quando una madre affronta una fase di penuria di cibo, i suoi figli hanno più probabilità di nascere sottopeso. Quei bambini con basso peso alla nascita sono più suscettibili nei confronti della malnutrizione cronica, vivendo conseguenze per tutta la vita nel loro sviluppo cerebrale - e quindi, a loro volta, diventeranno adulti malnutriti.

La rottura del ciclo della fame intergenerazionale richiede creatività e impegno in tutti i campi. Ecco perché, nella regione di Matam, Azione contro la Fame insegna alle ostetriche e agli operatori sanitari come eseguire lo screening, la diagnosi e il trattamento dei bambini malnutriti. Sosteniamo anche sei unità di terapia intensiva per bambini malnutriti con complicazioni - fornendo medicine, alimenti terapeutici pronti all'uso e attrezzatura medica. Lavorando con personale ospedaliero e operatori locali peer-to-peer, educhiamo gli adolescenti a una buona alimentazione, all'importanza dell'allattamento al seno e a distanziare le nascite.

L'ostetrica Madame Seck (al centro, in verde) con le madri nel centro di salute di Matam, in Senegal.

CHIAMA MADAME SECK, LA LEVATRICE

Per Madame Seck, essere un'ostetrica è una vocazione. Insieme ad altre ostetriche di Matam, una regione arida nel nord-est del Senegal, ha dedicato la sua vita professionale a rompere il circolo vizioso intergenerazionale della malnutrizione.

"Le gravidanze precoci sono una sfida qui a Matam", dice. "Molte ragazze si sposano quando sono ancora molto giovani. Spesso abbandonano la scuola quando restano incinte. Più una ragazza è giovane quando rimane incinta, maggiori sono i rischi per lei e la salute del bambino. Da aprile a giugno, 3 su 4 mamme che hanno datto alla luce bambini sottopeso a Matam, avevano meno di 24 anni. Questo è il motivo per cui le ragazze adolescenti hanno bisogno di cure e sostegno speciali."

Madame Seck supporta le future mamme e le giovani madri durante e dopo le loro gravidanze, in modo che loro e i loro figli possano godere di buona salute. Durante i controlli mensili, fornisce consigli su come diversificare la loro dieta e le incoraggia ad allattare esclusivamente nei primi sei mesi di vita del loro bambino. Lavora anche a stretto contatto con i peer educator per insegnare ai giovani la pianificazione familiare e le conoscenze base in materia di nutrizione e salute.

"Dobbiamo lavorare in tutti i settori della salute, della comunità e dell'istruzione per fornire informazioni e supporto agli adolescenti affinché possano imparare le basi della salute riproduttiva e dell'alimentazione sana. Solo consentendo loro di prendere le proprie decisioni su quando e quanti bambini avere e fornendo loro le informazioni necessarie per prendersi cura di sé durante la gravidanza, possiamo affrontare la malnutrizione a testa alta."

Educatori alla pari presso un centro di consulenza per giovani a Matam, dove i giovani possono apprendere la pianificazione familiare.

"AIUTIAMO TUTTI COLORO CHE VOGLIONO PARLARE CON NOI"

Per gli adolescenti di Matam, le informazioni su argomenti come la pianificazione familiare, la salute riproduttiva e la nutrizione non sono prontamente disponibili - non ci sono lezioni di educazione sessuale o di economia domestica nel curriculum scolastico. Ma un gruppo di giovani volontari, determinati e appassionati, sta lavorando per cambiare le cose: stanno aiutando a trasformare la vita dei loro amici e dei loro pari imparando, educando e sensibilizzandoli sulla salute riproduttiva.

Dal loro entusiasmo e dai loro sorrisi aperti, è facile capire perché Arona, Awa, Abdoulaye, Kadja e Oumou sono stati selezionati come "educatori alla pari". Si sostengono a vicenda sia emotivamente sia nel lavoro di tutti i giorni e si trovano a proprio agio nel discutere argomenti spesso delicati con i propri amici.

"Complicazioni da gravidanza adolescenziale, parto prematuro, aborto pericoloso e malattie trasmesse sessualmente sono un grosso problema qui", spiega Arona, una educatrice tra pari che ha ricevuto la sua formazione presso il Centro di consulenza per i giovani di Matam. "Eppure molti dei nostri coetanei non hanno accesso alle informazioni e ai servizi di cui hanno bisogno per fare le proprie scelte in materia di assistenza sanitaria, pianificazione familiare e matrimonio. Se avessero più informazioni, potrebbero pianificare il loro futuro di conseguenza. "

I peer educator ricevono una formazione approfondita dai colleghi, ostetriche come Madame Seck e assistenti sociali. Insieme, servono come punti di riferimento per il cambiamento e contribuiscono a creare un futuro più brillante per la propria comunità.

Giovani donne partecipano alla lezione di pianificazione familiare insegnata da educatori alla pari presso un centro di consulenza per giovani a Matam, in Senegal.

Il portafoglio di formazione di Azione contro la Fame sta crescendo per aiutare gli educatori alla pari a fare ancora meglio nelle loro comunità: Azione contro la Fame lavorerà presto con i peer educator per sviluppare un programma educativo sulla nutrizione in modo che i giovani possano imparare di più sui benefici della distanza fra le nascite e della pianificazione delle gravidanze, così come l'importanza di abitudini sane e una buona alimentazione durante la gravidanza.

"Ero uno scout prima di diventare un peer educator", dice Abdoulaye. "I miei amici mi facevano molte domande sulla contraccezione e sulla salute sessuale, ma non sapevo come rispondergli. Molti dei miei coetanei hanno figli quando loro stessi sono ancora molto giovani. Non impariamo questi argomenti a scuola. Ero curioso di saperne di più e sono venuto al Centro di consulenza per i giovani ed è così che sono diventato un peer educator. Voglio condividere le mie conoscenze con i miei amici."

L'educazione su temi come praticare il sesso sicuro, l'HIV, il matrimonio precoce e la gravidanza si basa sulla credibilità e sulla fiducia che i giovani ripongono nei loro pari, fa leva sul potere di essere un modello di comportamento e fornisce flessibilità nel soddisfare le diverse esigenze degli adolescenti in Matam.

"Abbiamo ricevuto un training approfondito", afferma Awa. "Prepariamo ogni sessione insieme come gruppo. Siamo diventati veramente buoni amici, le persone si fidano di noi perché sanno che tutto ciò che condividono con noi è confidenziale e non discriminiamo nessuno: aiutiamo tutti coloro che vogliono parlare con noi. La nostra priorità è far sentire tutti a proprio agio. Solo così possiamo aiutare gli altri. "

Un'ostetrica di Azione contro la Fame, Sophie Faye, siede con le madri e i loro figli dopo aver insegnato un corso di nutrizione presso il Matam Health Center.

 

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"