Foto: Khadija Farah

L'intensificarsi della siccità in Somalia aumenta il rischio di carestia

Governi e altri importanti partner internazionali si sono riuniti il 5 dicembre a Mogadiscio per discutere i piani di sostegno umanitario in Somalia. In risposta ad una recente allerta, secondo la quale alcune parti della Somalia potrebbero affrontare una grave carestia nel 2018, Azione contro la Fame ha esortato la comunità internazionale a fornire assistenza su vasta scala per salvare le vite di bambini gravemente malnutriti e soddisfare le necessità di sopravvivenza delle comunità devastate da un'estrema siccità e da una situazione di costante conflitto.

"Siamo a un punto critico," ha dichiarato Hajir Maalim, direttore regionale di Azione contro la Fame per l'Africa Orientale. "L'aumento degli aiuti umanitari nel corso dell'anno ha evitato la carestia, ma la siccità si sta intensificando e le previsioni per il 2018 dicono che peggiorerà. Se gli aiuti dovessero diminuire o venire in qualche modo compromessi, la Somalia potrebbe rapidamente precipitare in una catastrofe."

Secondo un nuovo rapporto dell'Unità di analisi della sicurezza alimentare e della nutrizione somala (FSNAU) , oltre 3.1 milioni di persone in tutto il Paese hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria e la malnutrizione acuta rappresenta una grave emergenza sanitaria che minaccia la vita di 1.2 milioni di bambini. Quattro stagioni consecutive di piogge deboli hanno prosciugato le colture e il bestiame, lasciando intere comunità senza cibo né reddito. L'aumento dei prezzi per le materie prime sta spingendo le famiglie più povere a indebitarsi gravemente e mettendo a repentaglio la loro capacità di soddisfare i bisogni primari della sopravvivenza quotidiana. Solo nell'ultimo anno, la siccità ha spostato circa 948.000 persone dalle loro case[1] 

I dati delle valutazioni nutrizionali che Azione contro la Fame ha condotto nel 2017 tra le popolazioni sfollate a Mogadiscio hanno indicato che il 30% dei bambini è gravemente malnutrito, espressione di una situazione molto critica. I risultati delle valutazioni condotte nel novembre 2017 nel distretto di Hudur, nella regione di Bakool, hanno anche indicato un'emergenza nutrizionale, con tassi di malnutrizione acuta al 17.2% tra i bambini sfollati. Le nostre équipe sul campo hanno anche documentato un'estrema penuria d'acqua tra le comunità di Bakool, con molte persone incapaci di accedere a più di 7.5 litri di acqua al giorno, che è inferiore allo standard umanitario minimo per le necessità di sopravvivenza in situazioni di emergenza.

Quando la carestia fu dichiarata in Somalia nel 2011, il Paese era in condizioni simili a quelle di oggi. Ma il mondo fu lento a rispondere e circa 250.000 persone morirono.

Nonostante i significativi sforzi compiuti dal governo della Somalia e dai partner umanitari nell'ultimo anno, la prolungata e grave siccità ha causato un netto deterioramento della sicurezza alimentare e un enorme aumento dei bisogni. Le piogge fallite - insieme al conflitto in corso, alla povertà radicata e alla mancanza di un sistema sanitario funzionante al di fuori della capitale - hanno dato il colpo di grazia alle popolazioni estremamente vulnerabili che ancora stanno lottando per riprendersi dopo la carestia del 2011.

"Una carestia non avviene mai inaspettatamente," dice Maalim. "Oggi i segnali di pericolo sono sotto gli occhi di tutti. Dobbiamo imparare dal passato e agire, nell'immediato e nel lungo termine, per prevenire il peggio."

Azione contro la Fame chiede:

  • ai donatori, di mobilitare tutti i finanziamenti per il piano di risposta umanitaria del 2018 e tradurre gli impegni in finanziamenti in prima linea fin da ora;
  • alle parti in conflitto, di rispettare il diritto umanitario internazionale e garantire che le popolazioni in difficoltà abbiano accesso agli aiuti;
  • al governo della Somalia, di garantire le operazioni umanitarie in modo sicuro e senza ostacoli per affrontare la crisi.

"Dobbiamo agire rapidamente per mantenere l'attuale livello di assistenza umanitaria e salvare vite umane," ha concluso Maalim. "È ugualmente vitale aiutare le persone a ricostruire i loro mezzi di sostentamento, rafforzare le reti di sicurezza sociale, la resilienza delle comunità e dei mercati e, soprattutto, dare la priorità alle soluzioni politiche per porre fine al conflitto".

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"