URGENTE: 20 milioni di persone a rischio carestia. Dona ora »

Il Sud Sudan sprofonda in una tragedia evitabile

NEW YORK, JUBA, 21 febbraio 2017- Azione contro la Fame ha emesso un appello urgente alla leadership politica per porre fine al conflitto nel Sud Sudan in risposta alla dichiarazione ufficiale della carestia nel Unity State, dove si stima che 100.000 persone siano a imminente rischio di morte. Secondo un avviso emesso il 20 febbraio dal governo del Sud Sudan, dalI’Integrated Food Security Phase Classification (IPC) e dal Comitato di Emergenza Globale IPC, che include Azione contro la Fame, la gravità della crisi alimentare attuale è senza precedenti. Un totale di 4.9 milioni di persone, il 42% della popolazione del Paese, ha urgente bisogno di assistenza alimentare e secondo una dichiarazione congiunta di tre principali agenzie delle Nazioni Unite, circa 1 milione di persone in altre parti del Sud Sudan sono sull'orlo della carestia, secondo la classificazione IPC.

"La dichiarazione di carestia nelle contee di Leer e Mayendit dello Unity State non è una sorpresa", ha detto l’Amministratore Delegato di Azione contro la fame, Andrea Tamburini. "Come sappiamo da decenni di esperienza, le carestie sono creati dall'uomo. I segnali premonitori c’erano tutti. Eppure, anche in questo momento critico, la risposta umanitaria internazionale è vergognosamente sottofinanziata, il personale umanitario subisce frequenti minacce alla sua sicurezza e l'impegno politico per porre fine alla crisi rimane inadeguato".

Nel dicembre del 2013, una guerra civile scoppia nel Sudan meridionale. Anche se un accordo di pace viene mediato nel 2015, la violenza scoppia di nuovo nell’aprile dello stesso anno. Gran parte della popolazione dello Unity State viene sfollata e gli operatori umanitari non riescono accedere alle zone più colpite. Da allora sconvolgimenti politici e continui conflitti, uniti a insicurezza diffusa, inflazione, deficit alimentari, e un'economia instabile hanno contribuito ad un'emergenza umanitaria a spirale.

Azione contro la fame, attraverso il suo team di Sorveglianza e Valutazione ha condotto diverse valutazioni tecniche nello Unity State e in altre parti del Sud Sudan, rilevando un tasso di malnutrizione acuta di gran lunga superiore alle soglie di emergenza. "L'analisi IPC ei dati raccontano una storia coerente, segnalando chiaramente dove l'assistenza umanitaria su larga scala  è più necessaria," ha detto Rebeckah Piotrowski, responsabile di Azione contro la Fame per il programmi in Sud Sudan. "Abbiamo gli strumenti e i dati per anticipare e agire prima che sia troppo tardi. È inaccettabile che la comunità internazionale attenda il deteriorarsi di una crisi prima di mobilitare una risposta adeguata."

Secondo l'avviso dell’IPC, l'assistenza umanitaria in tutto il 2016 "non ha solo sostenuto, ma anche migliorato la sicurezza alimentare" in molte aree. Ma le barriere di accesso che impediscono alle organizzazioni umanitarie di raggiungere le popolazioni "rimangono una sfida importante nella realizzazione di interventi salvavita" e la raccolta di dati sulle esigenze nelle zone più colpite. 

In luoghi come Northern Bahr el Ghazal, dove Azione contro la Fame è stata in grado di raggiungere le comunità e mantenere una presenza significativa, i nostri programmi hanno migliorato i livelli di sicurezza alimentare e ridotto la prevalenza della malnutrizione. "In casi di emergenze sempre più complesse prolungate, dobbiamo fare di più che mantenere in vita le persone", ha detto Tamburini. "In Sud Sudan, naturalmente, le nostre immediate priorità oggi sono salvare vite umane e alleviare la loro sofferenza. Ma dobbiamo anche pensare a cosa viene dopo e andare oltre la visione a tunnel di risposta alle emergenze tradizionale. Abbiamo bisogno di pianificare soluzioni che aiutino tracciare un percorso in cui le comunità si possono ricostruire e diventare più resistenti alla crisi."

Oggi, il Sud Sudan è arrivato a un punto di svolta mortale. Gli operatori umanitari sono non riescono più a far fronte alle esigenze schiaccianti, ai finanziamenti insufficienti e un ambiente estremamente insicuro. È evidente che gli attori umanitari non sono in grado di risolvere la crisi, ma sono lasciati soli a lottare per soddisfare esigenze di base senza possibilità di accesso, finanziamenti e forniture.

Con la massima urgenza, Azione Contro la fame Invita la comunità internazionale e tutte le parti in conflitto a:

  • Fornire una guida politica per porre fine al conflitto nel Sudan meridionale
  • Mobilitare un finanziamento a lungo termine flessibile che consenta agli attori umanitari di fornire una programmazione che soddisfi le esigenze delle comunità in cui è possibile accedere
  • Finanziare completamente la risposta umanitaria e mantenere il rifornimenti di base di materie prime per una nutrizione adeguata
  • Consentire un accesso libero e incondizionato alle aree attualmente inaccessibili nello Unity State.

Il Sud Sudan sta entrando la "stagione di magra" e le scorte alimentari si esauriranno prima del prossimo raccolto. A meno che una risposta umanitaria su larga scala non si mobiliti immediatamente, i progetti IPC nel Unity State e nel Nord Bahr el Ghazal State, si deterioreranno ulteriormente nel corso dei prossimi sei mesi. Il mondo condivide la responsabilità collettiva di agire oggi per evitare che la nazione scivoli ancora più nella tragedia. Il momento di agire è ora: non possiamo abbandonare la popolazione del Sud Sudan.

Azione contro la Fame è attiva in quattro regioni del Sud Sudan: Jonglei, Northern Bahr el Ghazal, Warrap, e Central Equatoria (Juba). Stiamo raggiungendo più di 349.500 persone con cibo di emergenza salvavita e programmi di nutrizione, mezzi di sussistenza, acqua e interventi di risanamento. Il nostro team di emergenza multisettoriale sta rispondendo in prima linea della diffusa crisi alimentare, con interventi di emergenza salvavita dove è più necessario.

 
Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"