URGENTE: 20 milioni di persone a rischio carestia. Dona ora ¬Ľ

Foto: Guy Calaf

Evitare la carestia nel Nord Est della Nigeria

 

"Boko Haram ha bruciato il nostro villaggio. Ci hanno lasciato solo i vestiti che indossiamo," racconta un uomo anziano che Azione contro la Fame ha incontrato mentre viveva in una scuola abbandonata nella comunità di Monguno, nella regione del Borno (Nigeria nord-orientale). "Siamo stati privati di tutte le nostre fonti di reddito e di sostentamento."

In tutta la Nigeria nord-orientale, a causa del conflitto brutale tra le forze militari e il gruppo di ribelli Boko Haram, 2.1 milioni di persone sono state sradicate dalla violenza e sono fuggite senza riparo, assistenza sanitaria, acqua pulita o cibo.

Nel luglio 2016, lo stato di emergenza è stato dichiarato nella regione del Borno nel Nord-Est della Nigeria, in risposta a livelli critici di malnutrizione e ad un elevato rischio di carestia nelle zone di conflitto. Secondo l'analisi di Azione contro la Fame e di altri esperti, da luglio 2017 5.2 milioni di persone soffrono carenza di cibo. Di questi,  59.500 persone in alcune parti del Borno si trovano in condizioni di carestia e l'UNICEF avverte che circa 244.000 bambini nella regione sono affetti da malnutrizione acuta.

Non usiamo alla leggera la parola ‚Äúcarestia‚ÄĚ: √® una classificazione rara e altamente tecnica che consente di classificare solo le emergenze pi√Ļ estreme e mortali della fame, che sono quasi sempre innescate dalla guerra.¬†In risposta alla minaccia della carestia nel Borno,¬†Azione contro la fame ha mobilitato una risposta immediata.

Nel giro di qualche giorno abbiamo mobilitato il nostro team di risposta rapida e condotto una valutazione iniziale dell’emergenza a Monguno, una zona precedentemente inaccessibile del Borno che era stata tagliata fuori dall’assistenza umanitaria per quasi due anni. Nelle settimane successive abbiamo lanciato un nuovo programma di emergenza a Monguno - e abbiamo iniziato a potenziare i programmi esistenti nella città di Maiduguri. In pochi mesi abbiamo mobilitato nuovi interventi di emergenza in altre 4 aree precedentemente inaccessibili del Borno.

Entro aprile 2017, Azione contro la Fame provvedeva al 20-25% di tutta l'assistenza alimentare di emergenza fornita alla popolazione minacciata dalla carestia nel nord-est della Nigeria. Oggi le ultime valutazioni indicano che i nostri interventi hanno ridotto con successo la prevalenza di malnutrizione acuta, al di sotto delle soglie di emergenza, nelle aree in cui abbiamo avuto accesso alle persone in difficoltà.

NON LASCIARE NESSUNO inDIETRO

Le parole non riescono a esprimere quanto siamo orgogliosi del nostro team in Nigeria per aver accettato la sfida, spesso a mettendo a rischio la propria vita per raggiungere le famiglie tagliate fuori dagli aiuti.

Ma non possiamo fare questo lavoro da soli.¬†Sono stati la compassione e il sostegno dei nostri donatori negli ultimi 11 mesi a permetterci di affrontare l‚Äôemergenza.¬†A nome dei nostri operatori nel nord-est della Nigeria ‚Äď e a nome di tutti i genitori, i nonni e i bambini la cui vita ci hai aiutati a risparmiare ‚Äď ringraziamo di cuore tutti i nostri donatori per aver risposto alla richiesta di aiuto.

Ecco quello che abbiamo realizzato nella regione del Borno nell’ultimo anno, da quando abbiamo lanciato la nostra risposta all'elevato rischio di carestia.  

DOVE RISPONDIAMO

In risposta all'elevato rischio di carestia nella regione del Borno, Azione contro la Fame ha ampliato i programmi esistenti nella città di Maiduguri e ha lanciato nuovi interventi di emergenza in cinque aree divenute recentemente accessibili nel nord del Borno.

  • Citt√† di Maiduguri (ampliamento dei programmi esistenti)
  • Jere (nuovo programma di emergenza)
  • Magumeri (nuovo programma di emergenza)
  • Kukawa (nuovo programma di emergenza)
  • Ngazai (nuovo programma di emergenza)
  • Monguno LGA (nuovo programma di emergenza)

CIÒ CHE ABBIAMO RAGGIUNTO

Grazie al generoso sostegno dei donatori, da agosto 2016 Azione contro la Fame ha fornito assistenza umanitaria salvavita a 425.131 persone nelle comunità colpite dal conflitto in Borno.

Il nostro aiuto in cifre:

Sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza: 216.968 persone aiutate

  • Assistenza alimentare di emergenza tramite distribuzione di denaro contante per coprire le esigenze urgenti di sopravvivenza di¬†51.000 persone
  • Distribuzione mensile di cibo di emergenza e kit di cottura a¬†131.085 persone
  • Supporto a 3903 famiglie con la creazione di orti¬†per migliorare l'alimentazione e l'accesso al cibo, tra cui la formazione e la distribuzione di semi, contanti e attrezzature per il giardinaggio
  • Aiuto a¬†1.041 famiglie per migliorare il proprio reddito attraverso corsi di formazione alla sussistenza¬†

Acqua, sanità e igiene: 136.026 persone

  • Sono stati ristabiliti¬†27 pozzi per consentire l‚Äôaccesso ad acqua sicura alle famiglie sfollate e per i membri pi√Ļ vulnerabili delle comunit√† ospitanti
  • sono state costruite¬†192 latrine¬†e¬†153 docce per migliorare igiene e igiene nei¬†campi informali per le popolazioni sfollate a Maiduguri.
  • Abbiamo fornito¬†a 20.440 famiglie¬†strumenti di emergenza e kit di igiene e promosso la diffusione delle corrette pratiche igieniche per prevenire le malattie causate dall'acqua

Servizi sanitari di emergenza e trattamento per la malnutrizione: 72.137 persone 

  • Abbiamo fornito screening e trattamento salvavita a¬†4.885 bambini colpiti da malnutrizione acuta
  • Abbiamo fornito cibo supplementare per prevenire la malnutrizione acuta a¬†9.749 donne in gravidanza e madri in fase di allattamento¬†e a¬†18.199 bambini
  • Abbiamo riabilitato strutture sanitarie preesistenti e formato operatori sanitari locali¬†e volontari della comunit√† su come eseguire lo screening e somministrare il trattamento per la malnutrizione
  • Abbiamo formato 8,693 donne incinte e madri in fase di allattamento su come¬†prevenire la malnutrizione¬†attraverso le corrette pratiche di alimentazione attraverso "gruppi di sostegno madre-a-madre".¬†

GLI AIuti NON bastano: bisogna puntare aL RECUPERO sul LUNGO TERMINE

Abbiamo fatto progressi per evitare la carestia nella regione del Borno e combattere la fame in altre aree della Nigeria nordorientale. Ma il nostro lavoro è ben lungi dall'essere finito. Le necessità rimangono immense, ma la risposta umanitaria internazionale rimane insufficiente e la stagione delle piogge è iniziata nel nord-est, rendendo difficoltoso l'accesso alle comunità e aumentando il rischio di fame e malattie causate dall'acqua come il colera e la malaria.

Il direttore Paese di Azione contro la Fame in Nigeria, Yannick Pouchalan, avverte: "Le scorte alimentari sono molto limitate e la stagione delle piogge metter√† i bambini vulnerabili ancora pi√Ļ a rischio di minacce come la malaria.¬†Dobbiamo fare tutto ci√≤ che √® in nostro potere non solo per offrire riparo, sostegno psicosociale e assistenza sanitaria primaria, ma anche fornire soluzioni a lungo termine per aiutare le persone a ricostruire la loro vita ".

Non rinunceremo a compiere la nostra missione, non importa quanto tempo ci vorrà, finché i bambini in Nigeria non saranno al sicuro dalla minaccia della carestia.

Tag
"