Foto: Sebastien Duijndam. Testo: Lea Vollet

Esodo Rohingya: un anno dopo

Un anno fa, centinaia di migliaia di Rohingya si sono riversati in Bangladesh, fuggendo dalla persecuzione nel loro paese d'origine, il Myanmar. Oggi più di 900.000 persone sono ospitate in accampamenti di fortuna nella regione di Cox's Bazar. Mentre le loro condizioni di vita sono estremamente precarie, non c'è una soluzione politica all'orizzonte e il futuro di queste famiglie rimane incerto.


VIOLENZA MIRATA

Minoranza musulmana dello Stato di Rakhine nell'ovest del Myanmar, i Rohingya sono continuamente soggetti a persecuzioni da parte dallo Stato e delle forze armate dagli anni '50. Non riconosciuti dal governo, i Rohingya sono apolidi, cioè non hanno cittadinanza. Questa discriminazione, unitamente alle restrizioni di movimento e all'accesso limitato ai servizi di base nella loro regione di origine, rende la popolazione molto vulnerabile.

Nell'agosto 2017, un attacco guidato da un ribelle Rohingya contro una stazione di polizia ha innescato una nuova ondata di violenza senza precedenti e repressioni contro i civili. Villaggi bruciati, omicidi, stupri: le storie raccontate dai sopravvissuti sono agghiaccianti.

Nel giro di pochi mesi, circa 700.000 persone sono fuggite dallo stato di Rakhine per trovare rifugio in Bangladesh, camminando per giorni. La metà di loro sono bambini. 

VITA NEI CAMPI

All'inizio, migliaia di persone erano ospitate temporaneamente in una riserva naturale, che doveva essere deforestata. Hanno raggiunto circa 200.000 persone che erano già presenti, sfollate a causa delle violenze degli anni precedenti. Questi nuovi arrivati ​​non hanno lo status di rifugiato e sono considerati dal governo del Bangladesh come "cittadini del Myanmar forzatamente sfollati".

Sul posto, vivono in rifugi di fortuna. Anche se l'accesso ai servizi di base come latrine, acqua, cibo, cure mediche è migliorato durante l'ultimo anno, le condizioni sono ancora spaventose, in particolare durante l'attuale stagione delle piogge.

La topografia del mega campo di Kutupalong Balukhali, il sito principale in cui vivono più di 600.000 persone, è collinosa. Il deterioramento del terreno e la pioggia senza fine, stanno provocando frane e alluvioni che minacciano i fragili ripari fatti di bambù e fogli di plastica. Oltre 200.000 persone sono direttamente interessate da questo pericolo.

In parallelo, la promiscuità, la povertà, la mancanza di accesso alle risorse e le condizioni igieniche deplorevoli favoriscono il propagarsi di malattie come diarrea, dissenteria, infezioni respiratorie e malnutrizione. Quasi il 38% dei bambini soffre di malnutrizione cronica e il 12% viene trattato per malnutrizione grave.

LA RISPOSTA DI AZIONE CONTRO LA FAME

Dopo aver assistito all'arrivo del primo afflusso di persone nell'agosto 2017, i nostri team hanno risposto ai bisogni più urgenti; distribuzione mobile di pasti caldi, acqua e supporto psicologico.Oggi, la nostra risposta è all’altezza della crisi.

Quasi 900 dipendenti e oltre 1.300 volontari provenienti dalla comunità Rohingya lavorano giorno dopo giorno per supportare queste persone vulnerabili. In un anno, più di 700.000 persone hanno beneficiato del sostegno fornito in materia di nutrizione, acqua, servizi igienico-sanitari, salute, sostegno mentale e pratiche di cura, sicurezza alimentare e mezzi di sussistenza.

Ogni giorno vengono distribuiti più di 11.000 pasti. I nostri team, coadiuvati dai volontari Rohingya, gestiscono 10 cucine in comunità, 18 centri sanitari mobili e 5 centri sanitari attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Più di 18.500 bambini affetti da malnutrizione acuta grave sono presi in cura. 19.000 donne in gravidanza e in allattamento hanno beneficiato dell'assistenza medica e dei consigli per prendersi cura della propria salute e  di quella dei propri figli. Oltre 350.000 persone hanno ricevuto un sostegno psicologico e mentale per curare lo stress e superare i loro traumi.

Sono stati distribuiti 38.200 kit di emergenza per costruire rifugi e circa 24.000 kit igienici contenenti sapone, detersivo, spazzolini da denti e prodotti per l'igiene mestruale. Sono stati installati più di 230 punti d'acqua potabile e un migliaio di latrine.

Oltre ai singoli servizi, i nostri team sono stati responsabili di alcune aree del campo e hanno eseguito quasi 200 interventi per consolidare le installazioni e garantire la sicurezza delle persone: costruzione di scale e ponti in bambù, rafforzamento delle zone soggette a frane, identificazione e trasferimento delle famiglie in zone a rischio.

COSA RISERVA IL FUTURO?

Il 6 giugno, il governo del Myanmar ha firmato un accordo con le Nazioni Unite che autorizzava un’ispezione dello stato di Rakhine, per lavorare congiuntamente al processo di rimpatrio. Quasi due mesi dopo, le agenzie internazionali non hanno ancora visitato il luogo. Dal lato del Bangladesh, il governo sta pensando di alleviare la pressione sui campi trasferendo 100.000 persone su un'isola che è attualmente soggetta a inondazioni.

"Ci è stato detto che il processo di rimpatrio inizierà a breve. Le organizzazioni internazionali attendono che l'accesso venga concesso dall'altra parte del confine. Il rimpatrio deve rispettare gli standard internazionali, su base volontaria e garantendo la completa sicurezza. Per noi, l'emergenza è ora: le persone soffrono, i campi sono in cattive condizioni e solo il 25% degli aiuti umanitari globali è stato assicurato," conclude Mahadi Muhammad, direttore locale di Azione contro la Fame a Cox's Bazar.

Quando la domanda viene rivolta ai principali interessati, la maggioranza dà la stessa risposta: "Non torneremo senza la garanzia che non saremo più perseguitati".

 

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"