LaPresse/Xinhua

Emergenza alluvioni in Kenya

Alluvioni improvvise causate da piogge torrenziali hanno provocato in alcune parti del Kenya la distruzione di colture, sistemi di irrigazione e infrastrutture sanitarie, lasciando centinaia di migliaia di persone senza casa, senza reddito agricolo e con una situazione di sicurezza alimentare in rapido deterioramento in molte aree.

Secondo i rapporti preliminari, le piogge hanno causato quasi 260.000 sfollati e oltre 150 morti, tra cui oltre 40 persone decedute dopo che una diga √® esplosa nella regione della Rift Valley in Kenya, distruggendo centinaia di case e imprese. √ą probabile che i numeri aumentino, dal momento che secondo le previsioni del tempo, le piogge contineuranno fino a luglio.

Colpendo almeno 29 contee nella nazione dell'Africa orientale, l'anormale andamento delle precipitazioni di quest'anno è stato descritto dal dipartimento meteorologico locale di Nairobi come un "mini El Nino" e minaccia una popolazione già vulnerabile, che si sta ancora riprendendo dalla catastrofica siccità del 2017.

Tuttavia, il rapido rilascio di finanziamenti umanitari di emergenza del Fondo Start significa che una rapida risposta umanitaria è possibile, contribuendo così a salvare vite umane e limitare ulteriori danni causati dalle alluvioni.

Sostenuto dal Dipartimento per lo sviluppo internazionale (DfID), il fondo fornisce finanziamenti rapidi a crisi sottofinanziate di piccole e medie dimensioni, picchi di crisi umanitarie croniche e per agire in previsione di crisi imminenti, colmando una lacuna critica nel finanziamento umanitario. I progetti vengono scelti entro 72 ore dall'emergenza, consentendo alle organizzazioni umanitarie internazionali di agire molto pi√Ļ rapidamente di prima.

"Diversamente dal passato, con il finanziamento iniziale siamo stati in grado di rispondere in modo rapido ed efficiente alle inondazioni improvvise, e siamo gi√† stati in grado di implementare programmi di emergenza idrica e fognaria nella contea di Tana River, una delle aree pi√Ļ colpite dall'attuale alluvione," dice Hajir Maalim., direttore regionale di Azione contro la Fame nell'Africa orientale.

"Con questo meccanismo di finanziamento rapido, Azione contro la Fame è in grado di svolgere attività di emergenza, compreso un sistema di trattamento delle acque sufficiente a fornire acqua pulita a 10.000 persone per 30 giorni, oltre a costruire latrine di emergenza.

"Lavoreremo anche con il governo locale per fornire servizi integrati di salute e nutrizione nell'area colpita e stiamo conducendo lo screening nutrizionale, riferendo i bambini malnutriti ai programmi di trattamento", aggiunge Maalim.

Le contee pi√Ļ colpite sono attualmente Turkana, Fiume Tana, Garissa, Isiolo, Kisumu, Taita, Mandera, Wajir, Marsabit, West Pokot, Samburu e Narok.

Tag

La tua donazione mensile può salvare la vita!

"